Comune di Sulmona

Portale ufficiale del Comune di Sulmona

27-11-2020
Ti trovi in: HOME » Turismo » Cuore d'Abruzzo in bici
 

Che tempo fa?

La visualizzazione del contenuto di questo modulo necessita l'accettazione dei cookie di tipo marketing.
E' possibile abilitare l'accettazione della suddetta tipologia di cookie al seguente link:
Cookie Policy

Traduci il sito

La visualizzazione del contenuto di questo modulo necessita l'accettazione dei cookie di tipo marketing.
E' possibile abilitare l'accettazione della suddetta tipologia di cookie al seguente link:
Cookie Policy

Controllo automatico accessiControllo automatico accessi 800-106330 Conferimento rifiuti ingombrantiConferimento rifiuti ingombranti 800-012490

Cuore d'Abruzzo in bici

Al centro dell’Italia,
a metà strada tra Roma e Pescara,
nel cuore dell’Abruzzo, c’è una terra ancora da scoprire.

Abbazia Celestiniana e Eremo di Sant’Onofrio al Morrone

Le strutture, sono ubicate nei pressi della città di Sulmona, la prima nota sia come Abbazia Morronese, data la sua vicinanza alle pendici del Monte Morrone, sia come Abbazia Celestiniana perché voluta dal frate Pietro Angelerio, divenuto poi papa col nome di Celestino V.
Prima della sua investitura, Pietro trascorse un periodo nell’eremo soprastante l’Abbazia che il frate volle dedicare all’eremita Sant’Onofrio. Dall’edificio, tutt’oggi raggiungibile con una breve passeggiata, si può godere di una splendida vista sulla Valle Peligna.Un complesso di grande rilievo per il territorio, che abbiamo voluto rendere centro anche del sistema di itinerari cicloturistici Cuore d’Abruzzo in bici.


Scopri tutti i percorsi su Komoot

Partite dall’Abbazia Morronese e scoprite il territorio a 360 gradi! Il cicloturismo è l’attività più adatta per scoprire i mille volti del cuore d’Abruzzo. I percorsi che abbiamo raccolto sono di diversa difficoltà e lunghezza, adatti sia al cicloamatore che al ciclista alla ricerca di sfide più impegnative. Entrate in un’Italia diversa, staccate la spina ed allontanatevi dai circuiti convenzionali.


Il territorio

In un’area grande appena quanto la città di Roma, incastonata tra due parchi nazionali e un parco regionale, potrete attraversare quattro zone dalle caratteristiche uniche, le Valli Peligna, Subequana, del Sagittario e l’Alto Sangro.

Scoprirete questo territorio in bici, lentamente. Assaporerete e vivrete l’autenticità dei suoi 27 comuni, dei 3 parchi e delle tante oasi e riserve naturali.

Assaporerete il vino e la gastronomia regionale, vivrete la tradizione locale, ammirerete i meravigliosi panorami del massiccio sacro della Majella, del lago di Scanno dalla rinomata forma a cuore e dei tanti piccoli borghi. Dimenticherete il telefono, se non per scattare bellissime foto ricordo.

Comuni del Centro Abruzzo
La città di Sulmona ed i comuni del territorio sono pieni di perle naturali e culturali.
Prendete la vostra bicicletta e partite dall’Abbazia di Santo Spirito al Morrone per scoprire questo sorprendente territorio.
Qualunque sia la vostra abilità e la vostra forma fisica, qui troverete il percorso adatto a voi.

Valle Subequana
Testimone di eventi storici, la Valle Subequana custodisce parte del passato abruzzese: pedalando tra le colline potrete osservare i numerosi reperti archeologici dei popoli italici: pavimentazioni antiche, colonne e anfiteatri dove il tempo sembra essersi fermato.

Valle Peligna
Pedalando attraverso città e borghi della Valle Peligna potrete leggere la memoria storica e religiosa del territorio: eremi, monasteri e castelli ad alta quota, centri storici mozzafiato come quello di Sulmona. Zone amate e abitate nel corso della storia da personaggi famosi come il poeta latino Ovidio e il Papa Celestino V.

Valle Sagittario
Tra la Valle Peligna e il Parco nazionale d’Abruzzo potrete attraversare una grande Riserva naturale sagomata dalle acque del suo fiume, che dal Lago di Scanno, famoso per la sua forma a cuore, si snoda in anfratti rocciosi, dove non è raro incontrare cervi, volpi e orsi.

Alto Sangro
Lo amate già per gli sport invernali, venite in bici nell’Alto Sangro dalla primavera all’autunno per gustarvi la sua trasformazione in arena sportiva a cielo aperto: potrete pedalare nel cuore dell’Appennino centrale, tra alcuni dei parchi e dei Borghi più Belli d’Italia.